Diario di una maiko

febbraio 3, 2009

diario-di-una-maiko_copertina1

Da oggi, in libreria:

“DIARIO DI UNA MAIKO ~ Miyabi no Mai”
Miriam Bendìa

Casadei Libri Editore, collana Porte d’Oriente – narrativa
Prezzo € 16,00
Formato cm 15,5 X 24 – dorso quadro
Pagine: 192 con 36 foto a colori
ISBN: 88-89466-35-3

Il romanzo sarà disponibile nei principali bookshop italiani, anche su prenotazione fornendo i relativi dati, e sul sito di IBS.

Si tratta di una data significativa nel calendario giapponese!
Il 3 febbraio è il Setsubun (節分): la fine dell’inverno.
Il 4 febbraio è il Risshun (立春): il primo giorno di primavera.
I giapponesi sono soliti festeggiare il Setsubun e il Risshun come se
fossero la celebrazione per la fine dell’anno e di Halloween nello
stesso tempo.
Esistono infiniti riti per prendere commiato dai dodici mesi passati,
allontanando la sfortuna e gli spiriti malvagi: ma uno dei più
divertenti, per loro, è senza dubbio quello di mascherarsi e colorare
le vie di Kyoto.
Tra le diverse parole per designare un fantasma, nella lingua
nipponica, la più rappresentativa è obake. Mettendo da parte il
prefisso onorifico (o-) resta infatti bake: qualcosa che si trasforma
e diventa altro prendendo una forma differente. Questa è la vera
essenza di tali esseri, la mutazione.
Nella notte tra il 3 e il 4 febbraio dunque si festeggia il rito dell’Obake!
Esso contagia inevitabilmente anche il karyūkai (geisha world)!
Le geisha e le maiko, durante la notte del Setsubun, indossano la
propria maschera favorita e intrattengono i clienti, nelle insolite
vesti, all’interno di tutti gli hanamachi.


4 Responses to “Diario di una maiko”

  1. Kazu Says:

    Non poteva esserci data migliore per una nuova partenza!
    Auguro al tuo piccolo capolavoro tutta la fortuna del mondo.
    PS. che maschera indosserai stasera? ;)

    baci, KK


  2. Mia dolce Kazu,
    quest’anno per l’Obake ho indossato la maschera della Principessa Sotōri.
    Karu no Iratsume venne soprannominata Sotōri (Trapela dalla Veste), poiché la sua bellezza era così luminosa da splendere anche attraverso la seta del kimono.
    Ho letto la storia della Principessa nel tredicesimo capitolo del Nihon Shoki (Cronache del Giappone, raccolte dal principe Toneri nel 720).
    Il volto dell’affascinante creatura rievocava un’immagine fluttuante di bellezza dipinta su seta. I neri, folti capelli raccolti sulla sommità della testa parevano un regalo della notte, quasi che essa vi avesse riversato la sua più preziosa essenza. Al di sotto brillava una pura fronte simile alla luna nuova. E dolci erano le sopracciglia, quanto tenere erbe. Gli occhi, d’incomparabile splendore, riflettevano la vita. La sua figura era talmente avvenente che pareva ospitare una divinità e la sua veste rifulgeva di una luce interiore. Era il fulgore del corpo che traspariva attraverso la seta.

    Ella componeva delicate poesie…

    “Questa notte raggiungermi dovrà l’amato:
    tale è l’annuncio
    dei movimenti del ragno
    che a un piccolo granchio somiglia.”

    :)


  3. […] il suo primo giorno da geisha io celebro l’uscita del mio romanzo, Diario di una maiko, presentando la mostra Miyabi no Mai da ZouZou. La coincidenza dei due eventi sarà, per me, fonte di buon auspicio! Non ho […]

  4. Liza Dalby Says:

    Dear Miriam,

    Thank you so much for the copy of Diario di una Maiko.
    It is SO beautifully done. Congratulations.
    I will get my daughter who speaks Italian to read it to me.

    With warm regards,
    Liza


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: